Per colui che possiede anche solo nozioni basilari di fotografia le inquadrature e la sintesi, formale e cromatica, che Franco Fontana ci restituisce con il suo sguardo fotografico hanno influenzato il modo di vedere e pensare la fotografia di moltissimi professionisti e amatori. Questo succede solo quando si ha a che fare, come nel caso di Fontana, con scatti di un’indiscussa potenza comunicativa raggiunta tramite un’innata capacità di sintesi poetica.

Le sue fotografie di paesaggi sono in grado di ricordarci come la Natura non indossi mai un’apparenza mediocre. La sua personale attitudine nel raccontare e, quindi, interpretare il paesaggio si ritrova traslata con il medesimo fascino anche nelle visioni urbane. “Per l’occhio attento ogni momento dell’anno ha la sua particolare bellezza e, guardando lo stesso campo, esso scorge, a ogni ora, un quadro che mai si è visto prima e mai più si vedrà in seguito.” (Ralph W. Emerson)

Fontana ha affermato che nel suo lavoro cerca di “isolare nello spazio e nel tempo tutto quello che è normalmente confuso in un’infinità di dettagli. Estrarre pochi elementi essenziali dalla totalità che si presenta all’occhio umano è una delle mie esigenze interiori: raggiungere un’unità armonica eliminando tutti gli elementi naturali di disturbo.” Essere in grado di riconoscere, vedere e tradurre personalmente il “miracolo” delle cose e dei momenti comuni è uno dei maggiori pregi del fotografo modenese. Sempre Emerson, nel suo splendido saggio “Nature”, scrisse: “sono pochi gli adulti in grado di vedere la natura. […] Ama la natura colui i cui sensi interni ed esterni sono ancora autenticamente in sintonia tra loro, colui il quale ha conservato lo spirito dell’infanzia fin nell’età adulta.” Questa affermazione trova nella figura e nel lavoro di Fontana una perfetta corrispondenza. Con “Paesaggi a confronto” Fontana torna ad esporre presso OREDARIA Arti Contemporanee dopo sette anni da “Estremi urbani”, la sua ultima personale in questi spazi. Dopo numerose mostre in Italia ed all’estero, ricordiamo l’importante personale “La luz del paisaje” all’IVAM di Valencia nel 2011, il fotografo presenta in questa nuova mostra diversi scatti inediti. In mostra si affiancano liberamente paesaggi naturali e urbani, fotografie a confronto che ripercorrono la sua intera carriera dall’inizio degli anni ’60.

INTRODUZIONE

© 2003 OREDARIA TEMI E FORME DELL'ARTE SRL UNIPERSONALE